Ministero della Salute

Ricerca 
            collegamento alla pagina dei feed RSS
Nuova influenza

Perchè vaccinarsi

La vaccinazione costituisce il mezzo di protezione più sicuro e più efficace contro l'influenza. Prepara il sistema immunitario a riconoscere il virus in caso di contagio e a difendersi dall’infezione. Vaccinarsi è importante perché oltre ad aumentare notevolmente le probabilità di non contrarre la malattia e non trasmetterla alle altre persone, ne attenua la sintomatologia e, generalmente, i sintomi non sono seguiti da ulteriori complicanze. In Italia la vaccinazione contro la nuova influenza è: Proteggi te stesso
In alcuni soggetti la nuova influenza A ha dimostrato di essere più aggressiva: è il caso delle donne in gravidanza, dei neonati sotto i 6 mesi di vita o gravemente prematuri, delle persone, bambini o adulti, affetti da patologie croniche che facilitano l’insorgenza di complicanze. Ed è a queste persone che il vaccino è offerto in via prioritaria.

Proteggi la tua comunità
La vaccinazione non protegge soltanto la persona vaccinata ma anche i soggetti non vaccinati, dato che rallenta la diffusione e la circolazione del virus influenzale; questo fenomeno è chiamato immunità di gregge (herd immunity) ed è in grado di interrompere la catena del contagio. Per questo è importante in corso di pandemia poter vaccinare le categorie di persone dove la diffusione dei virus influenzali è più forte e dove il contagio si moltiplica. Inoltre chi opera nei servizi essenziali della comunità (medici ed operatori sanitari, forze dell’ordine, trasporti pubblici, energia, ritiro rifiuti ecc.) quando si vaccina compie un gesto di grande responsabilità: pur non avendo maggior rischio degli altri di essere contagiato o di avere delle complicanze, sa che una sua assenza dal lavoro potrebbe provocare dei danni e disservizi alla popolazione più fragile.

Due vaccini
Nella stagione invernale 2009-2010 circoleranno sia il virus AH1N1 pandemico, sia i virus dell'influenza stagionale. E a molte persone sarà offerta una doppia vaccinazione gratuitamente dal Servizio sanitario nazionale. I vaccini per la pandemia influenzale, infatti, non forniscono protezione nei confronti di altri virus influenzali, così come i vaccini per l’influenza stagionale non proteggono nei confronti del nuovo virus AH1N1. Almeno i soggetti a rischio e quelli addetti a servizi essenziali dovrebbero quindi fare entrambi i vaccini. Non si esclude che in un futuro prossimo la situazione possa cambiare, con inclusione del nuovo ceppo pandemico nella composizione dei vaccini stagionali.

(ultimo aggiornamento 30 ottobre 2009)
Documenti

Opuscoli e poster

Ordinanze e circolari

Argomenti correlati

Audio e video

Link attori internazionali
Link attori nazionali
Link stampa scientifica
Faq